Atlantia, è ancora rally in Borsa grazie ai dati sul traffico e al fattore Telepass

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Continua il rally di Atlantia a Piazza Affari con il titolo ai massimi da un mese e salito di oltre il 6% dal 4 agosto. A sostenere le quotazioni ci sono da una parte i dati sul traffico aereo e autostradale in recupero (con il secondo salito su base settimanale addirittura sopra i livelli del 2019) e dall’altra parte le prospettive di creazione di valore legate a Telepass. Come dichiarato dal Ceo Gabriele Benedetto al Sole 24 Ore, Telepass è pronta a considerare possibile M&A in Europa anche grazie all’ingresso nel capitale di un socio solido come Partners Group, che potenzialmente potrebbe chiedere l’avvio di un’Ipo nel 2020 come way out.

Migliorano i dati del traffico autostradale e aeroportuale

Capitolo traffico. Quello aereo, fanno notare gli analisti di Equita, «è migliorato nuovamente dopo qualche settimana di stabilizzazione». Aeroporti di Roma (controllata da Atlantia) registra un -60% rispetto al 2019 contro il -82% da inizio anno, mentre Nizza vede un -39% (contro -69%). Secondo i dati di Airports Council International (Aci), prosegue Equita, nei primi giorni di agosto il traffico europeo ha registrato un -38% rispetto al 2019 «anche supportato dal green pass». Per quanto riguarda le autostrade, per la prima volta il traffico in Italia è tornato al di sopra del livelli del 2019, con un +4% (-17% da inizio anno). L’Europa è in calo “low-single digit”, mentre l’America Latina è positiva. «In questo periodo di vacanze, stagionalmente forte, il trend del traffico è in miglioramento su livelli simili al 2019 dopo alcune settimane di stabilizzazione», sottolineano gli esperti, che giudicano inoltre «positivo il miglioramento del trend degli aeroporti».

Le potenzialità di Telepass

Per quanto riguarda Telepass, che ha ambiziosi progetti di crescita in Europa e valuterà acquisizioni nei settori della mobilità e della logistica, i piani per il futuro “sono sicuramente importanti per la valorizzazione della partecipazione”, secondo Equita. Bestinver rimarca come la stessa Telepass rappresenta uno degli asset del gruppo Atlantia con il maggior potenziale di crescita, posizione condivisa anche da Kepler. Del resto, all’inizio dell’anno prossimo la holding controllata dalla famiglia Benetton siglerà il closing con il consorzio Cdp-fondi per l’uscita da Autostrade (i dati semestrali, redatti senza considerare l’apporto della concessionaria, sono risultati in crescita pro-forma) e appunto Telepass sarà una delle partecipazioni chiave che resteranno in portafoglio su cui costruire uno sviluppo vivace anche in aree di business attigue.

Infine, sul rally di Atlantia influiscono anche le prospettive di remunerazione degli azionisti. Dopo il digiuno di dividendi seguito al crollo del Ponte Morandi, Atlantia ha annunciato la nuova dividend policy per il triennio 2021-2023 e un buy back di 1-2 miliardi: una prospettiva che aumenta la visibilità per gli investitori di Piazza Affari.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *