Perché l’investitore consapevole può diventare un nuovo protagonista nella ricostruzione del Paese

La catastrofe umanitaria degli ultimi mesi ha portato gli investitori ad un ulteriore passo avanti nella sensibilità verso i temi dell’ambiente, della sostenibilità e del benessere delle persone. Quanti avevano finito con il catalogare l’acronimo ESG come una delle tante mode passeggere hanno dovuto ricredersi: l’attenzione dei grandi investitori verso questi temi è destinata a perdurare nei prossimi anni, grazie anche a legislazioni, prima fra tutte quella Europea, che diventeranno sempre più stringenti e coercitive in materia, rendendo le pratiche diffuse di “greenwashing”, sempre più difficili da simulare.

Il combinato disposto di pandemia e sensibilità ESG si sta trasformando in un’occasione strategica per realizzare un “re-shoring” intelligente, ripensando alle scelte di delocalizzazione ed agli orientamenti dei consumatori verso la “filiera corta” che consente di riprogettare l’intera “value chain” produttiva.

Questo tema di una supply chain più equa e sostenibile in tutta le sue diverse componenti rischia di avere impatti fortemente positivi anche su alcuni fattori che hanno contribuito al diffondersi di fenomeni di disuguaglianza sociale. Per effetto di questa somma di fattori di “accelerazione”, superata la crisi sanitaria, la fase post-pandemica si può rivelare come una fonte di grandi opportunità di cambiamento. Si tratta di un momento straordinario, per certi versi il più interessante dal dopoguerra, un periodo in cui, come spesso è successo nei momenti di ricostruzione, stiamo assistendo ad una maggiore convergenza tra finanza ed economia reale.

In questo scenario si va sempre più enfatizzando una sorta di “Investitore Consapevole” il quale, all’obiettivo di massimizzare il rendimento del proprio capitale desidera affiancare una maggiore consapevolezza sugli effetti che questo produce sull’economia reale e sul pianeta. È un tipo di Investitore sempre più disponibile a dedicare tempo ed attenzione ai suoi investimenti illiquidi o non quotati, nella consapevolezza della forte interattività tra il loro agire finanziario e gli effetti sociali, economici ed ambientali che ne derivano, una consapevolezza che è spesso il frutto di esperienze imprenditoriali in proprio.

La proliferazione dei numerosi club di investimento e la crescente attenzione verso le diverse forme di Venture Capital, sono la manifestazione più evidente di questo processo in atto. È un paradigma semplice, in cui l’importanza attribuita alla qualità dell’idea imprenditoriale assume un ruolo altrettanto importante rispetto al rendimento atteso, in cui l’Investitore Consapevole desidera svolgere un ruolo sempre più attivo nel processo di valorizzazione del proprio risparmio e che finirà con l’essere fondamentale nel processo di ricostruzione del paese.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *