A2a

A2a continua la scalata estiva in Borsa: è ai massimi dal 2008

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) A2a accelera il passo della sua risalita estiva in Borsa che ha portato le quotazioni della multiutility milanese ai massimi dal 2008 in area 2 euro per azione. Il titolo fa da capofila sul FTSE MIB accompagnata nei rialzi da altre utility come Acea e Iren, che salgono di un punto percentuale, mentre Hera è più timida. Nel complesso anche in Europa la seduta delle utility è positiva confermando la tendenza da parte degli investitori nelle ultime tre sedute a orientare gli acquisti su comparti difensivi come anche la farmaceutica e la chimica.

Gli acquisti su A2a però non riguardano solo gli ultimi giorni: da inizio anno il titolo ha guadagnato il 48% (è la seconda migliore performance sul Ftse Mib dopo quella di Banco Bpm ) e ha fatto decisamente meglio rispetto alle altre quotate italiane del comparto. In particolare dalla pubblicazione dei conti semestrali, diffusi a fine luglio, le quotazioni sono salite dell’8% circa.

Nel primo semestre A2A ha realizzato ricavi per 4,06 miliardi (+28%) con un margine operativo lordo di 690 milioni (+23%) in netto incremento grazie «a una significativa crescita organica e alle operazioni M&A». L’utile netto è balzato a 340 milioni, +121% rispetto allo scorso anno, grazie a effetti positivi fiscali una tantum (legati al decreto Agosto) per circa 140 milioni e all’incremento organico superiore al 30%.

I numeri della prima metà del 2021 hanno consentito ad A2a di alzare la guidance sull’intero 2021 rispetto a quanto stimato nello scorso mese di maggio: ora l’ebitda è previsto compreso tra 1,270 e 1,3 miliardi di euro e l’utile netto, anche grazie agli effetti non ricorrenti del decreto Agosto, «sarà il migliore dalla formazione di A2A», ha annunciato la società. La forte generazione di cassa operativa sarà utilizzata per finanziare investimenti attesi a livello record (oltre 1 miliardo) in linea con le previsioni del piano strategico 2021-2030.

Source link